Sabato 16 aprile - Sacello di S.Pietro
Iniziati i lavori del " Sentiero Naturalistico degli Ezzelini "

PREMESSA

Il progetto generale dell’Itinerario "sui sentieri degli Ezzelini" è stato ideato e promosso dalle Amministrazioni Comunali di: Asolo, Crespano del Grappa, Paderno del Grappa, San Zenone degli Ezzelini, Fonte, Loria, Riese Pio X, Castello di Godego, Castelfranco Veneto e Resana. In particolare i comuni di Castelfranco Veneto, Resana, Castello di Godego, Loria e Riese Pio X°, aderenti all’I.P.A. (Intesa Programmatica di Area) della Castellana, ed i comuni di Asolo, Fonte, Crespano del Grappa e Paderno del Grappa, aderenti all’I.P.A. Diapason della comunità del Grappa e dell’Asolano, hanno inteso promuovere e realizzare iniziative atte a valorizzare l’intero ambito intercomunale, tra cui rientra anche il presente progetto. Il progetto ha come obiettivo la realizzazione di un percorso che unisca, attraverso i corsi d’acqua dei torrenti Muson e Lastego, i territori dei Comuni sopracitati.

L’itinerario, nella zona pedemontana, è caratterizzato dalla presenza di due "rami" individuati dai corsi d’acqua dei torrenti Lastego e Muson, con partenze rispettivamente in località San Liberale, alle pendici del Grappa, e in località Casonetto in Comune di Asolo. I due rami sopraccitati convergono in località ponte Scremin, in corrispondenza della confluenza del torrente Rù nel Muson. L’itinerario attraversa quindi le zone umide dei prai, la pianura e raggiunge, seguendo il corso del Muson dei Sassi a sud di Castelfranco, per un verso il Bacchiglione a Padova e per l’altro, seguendo l’alveo del Muson Vecchio, il Naviglio Brenta a Mira e da qui la laguna di Venezia a Fusina. L’escursionista avrà l’opportunità di camminare in un ambiente in cui natura e uomo hanno intensamente intrecciato le loro storie, modificandosi a vicenda ed offrendo panorami singolari e vari. Il progetto dell’itinerario "sui sentieri degli Ezzelini" vuole rappresentare un contributo alla conoscenza ed alla divulgazione delle bellezze ambientali del territorio collinare pedemontano e di pianura della zona nord-occidentale della marca trevigiana.

Questo itinerario si inserirà nel contesto di iniziative finalizzate alla promozione e valorizzazione del territorio, inteso come insieme di beni naturalistico ambientali e di giacimenti culturali, ed in particolare integrerà e completerà quel sistema di iniziative turistiche e di approccio all’ambiente portate avanti dalle Amministrazioni comunali e dalle Comunità Montane del Grappa e delle Prealpi Trevigiane.

IL I° STRALCIO DEL PROGETTO GENERALE

Dal punto di vista meramente esecutivo e di finanziamenti il progetto generale dell’itinerario "sui sentieri degli Ezzelini" è stato suddiviso in due stralci funzionali, promossi rispettivamente dalle I.P.A. della Castellana e Diapason della Comunità Montana del Grappa e dell’Asolano. Entrambi gli stralci sono stati ammessi a finanziamento dalla Regione Veneto ai sensi della L.R. 13/99 e art. 25 della L.R. 35/2001. Il primo stralcio funzionale comprende gli interventi da realizzare nei Comuni di Riese Pio X°, Loria, Castello di Godego, Castelfranco e Resana, appartenenti all’IPA della Castellana, mentre il II° stralcio riguarderà le opere da realizzare nei Comuni di Asolo, Fonte, Crespano del Grappa e Paderno del Grappa che saranno avviate nel 2012. Con il primo stralcio sarà realizzato il tratto di pista ciclo pedonale che da località Spineda, in Comune di Riese Pio X°, arriverà fino al confine con la provincia di Padova, laddove si collegherà alla pista del Muson dei Sassi, già realizzata dalla stessa provincia. Altimetricamente il percorso si sviluppa dai 77 m in località Spineda di Riese Pio X° al minimo di 31 m s.l.m. che si registra sul ponte Lissavara in Comune di Resana, al confine con la provincia di Padova. La lunghezza del tratto di itinerario relativo al I° stralcio ammonta a circa Km 19,100. Per buona parte il tracciato insiste su carrareccie e/o capezzagne di campagna e solamente nei Comuni di Castello di Godego e Castelfranco ricalca tratti di piste ciclabili esistenti. Dove le dimensioni e caratteristiche delle arginature del Muson lo consentono, il percorso corre sulle sommità arginali, in modo tale che la nuova pista possa essere utilizzata anche per interventi di manutenzione del corso d’acqua e/o per interventi di emergenza da parte del Genio Civile e/o della Protezione Civile. Da un punto di vista meramente esecutivo sono previsti interventi di sistemazione della rete di collegamento viario nelle varie zone interessate dall’itinerario, costruzione di passerelle e piccole aree attrezzate per la sosta ed il ristoro, regolazione dello sviluppo della vegetazione lungo il percorso, posizionamento di bacheche illustrative e di opportuna segnaletica direzionale, segnalazione degli elementi di valenza ambientale e culturale presenti lungo il percorso.

IL II° STRALCIO DEL PROGETTO GENERALE

Il secondo stralcio, del progetto generale dell’itinerario "sui sentieri degli Ezzelini", riguarderà gli interventi che ricadranno all’interno dei territori dei Comuni di Asolo, Fonte, Crespano del Grappa, Paderno del Grappa e rappresenterà il completamento di quello in corso di realizzazione nei territori dei Comuni di Riese Pio X°, Loria, Castello di Godego, Castelfranco e Resana. Altimetricamente il percorso si svilupperà, per un verso, dai 77 m in località Spineda ai 106,5 m s.l.m. che si registrano sul ponte di Pagnano in Comune di Asolo e per l’altro dai 95 m in località "ponte Scremin", sulla S.S. 248 Schiavonesca-Marosticana, ai 604,2 m s.l.m. in località San Liberale, alle pendici del Grappa. Il percorso, infatti, sarà costituito da due rami: il primo seguirà l’asta del Muson, da località Spineda in comune di Riese Pio X° fino a località Casonetto in comune di Asolo; il secondo si diramerà dal primo in corrispondenza di "ponte Scremin", lambirà la zona orientale del centro di Onè, attraverserà Fonte Alto, seguendo poi il corso del torrente Lastego nella valle dei mulini, lungo il confine comunale tra Cespano e Paderno, entrerà nel parco naturale di San Pancrazio a Crespano, salirà lungo via Valderoa fino in località "Castagneret de ‘a Madoneta", scenderà lungo via Nova per risalire e ricongiungersi agli itinerari del Grappa in località San Liberale in Comune di Paderno. Complessivamente, la lunghezza dell’itinerario, relativo al secondo stralcio, ammonterà a circa Km 20,25. Va, altresì, ricordato che il primo tratto dell’itinerario "sui sentieri degli Ezzelini", che da località Casonetto arriva fino al ponte di Pagnano in comune di Asolo, per una lunghezza di circa 1500 metri, è già stato realizzato, grazie anche ad un contributo regionale ai sensi dell’ex obiettivo 5b.

CONSIDERAZIONI FINALI

A lavori ultimati, la pista ciclo pedonale in oggetto avrà una lunghezza di circa 40 km. e si svilupperà da località San Liberale, alle pendici del Grappa, fino al confine con la provincia di Padova, dove si congiungerà al percorso del "Muson dei Sassi", della lunghezza di circa 36 km, che collega Castelfranco alla città di Padova. In definitiva, l’escursionista potrà disporre di una pista che partendo da Padova lo porterà per un verso alla cittadina di Asolo, per una lunghezza di circa 63 km e per l’altro alle pendici del Grappa, per una lunghezza di circa 73 km, da dove si dipartono tutti i sentieri e gli itinerari di montagna.

Vittorio Veneto, 16 aprile 2011 Il Progettista: Dott. Ing. Gian Pietro Napol